Prodotti SPAIC

Anche quest'anno dal 7 al 10 novembre si è svolto a Rimini ECOMONDO, l’evento internazionale leader della green e circular economy nell’area euro-mediterranea che presenta aziende, innovazioni tecnologiche e occasioni d'incontro in campo ambientale.
Realizzato in collaborazione con associazioni, università, istituti di ricerca, istituzioni italiane ed europee, l'evento offre occasioni di approfondimento su diversi temi legati all'economia green, ma anche alla stretta interconnessione tra ambiente e salute.
Proprio nell'ambito di questa tematica, il 9 novembre l'INAIL/DIT ha partecipato a Ecomondo con un Seminario, organizzato da Inail DC Prevenzione, dedicato al progetto pilota SPAIC “Cause dello SPreco Alimentare e Interventi Correttivi” realizzato in collaborazione con il Ministero della Salute/DGISAN e l'organismo di ricerca CRF e con il coinvolgimento attivo di tre Istituti d’Istruzione Superiore di Roma.
Il Seminario è stato proposto per promuovere l’importanza di stili di vita corretti dei componenti individuali e di una famiglia, che possono mirare al tempo stesso ad arginare il fenomeno specifico dello spreco alimentare domestico, ma anche alla prioritaria tutela della salute, obiettivi cardine del progetto SPAIC.
Sono stati presentati i risultati intermedi del progetto, che pone i ragazzi al centro del percorso formativo, favorendone sia la conoscenza del tema sia la creativa stimolazione di proposte comunicative efficaci a diffondere un atteggiamento responsabile verso il cibo e il suo spreco evitabile sia il rispetto del proprio stile di vita alimentare e del proprio benessere.
Nell'ambito del Seminario è stata inserita anche una dimostrazione di show coaching: "L’importanza delle emozioni per il raggiungimento degli obiettivi del team” realizzato dal ludoformatore Paolo Abozzi, con una dimostrazione pratica di comunicazione innovativa attraverso l’uso metaforico delle bolle di sapone in un estemporaneo spettacolo motivazionale.
Nell'ambito delle attività del progetto SPAIC, l’utilizzo della metodologia “nudge”, spinta gentile, di tipo irrazionale ha avuto effetto nel sensibilizzare i ragazzi a diventare protagonisti attivi del progetto. Le tecniche motivazionali utilizzate non considerano solo l’aspetto razionale della importante tematica proposta, ma vanno a valorizzare messaggi scientifici corretti trasmessi nella fase informativa e formativa coniugandoli al piacere individuale e di gruppo e alla passione di essere protagonisti individuali e di gruppo del progetto stesso.

Dopo l'apertura dei lavori da parte della dott.ssa Denise Giacomini del Ministero della Salute DGISAN Referente per il Ministero del Progetto e la presentazione di SPAIC da parte della dott.ssa Elena Sturchio dell'INAIL/DIT, referente scientifico INAIL, il dott. Uranio Mazzanti di CRF ha messo in luce come la promozione presso gli studenti liceali di un atteggiamento responsabile verso il cibo sia una scommessa per la costruzione di una nuova imprenditoria sostenibile. Gli studenti “maturandi”, infatti se oggi sono cittadini con marginale responsabilità nei confronti degli sprechi alimentari, saranno a breve responsabili attori e possibili corretti orientatori del mercato di domani.

Successivamente i ricercatori INAIL (dott.sse Miriam Zanellato e Priscilla Boccia) hanno illustrato contenuti specifici legati alla tematica dello spreco alimentare alla luce della nuova legge italiana 166/2016 e della specifica politica Europea. In particolare sono stati illustrati i grandi impatti ambientali, economici e sociali connessi con lo spreco alimentare di tipo domestico e l'importanza della consapevolezza individuale e di un atteggiamento responsabile per la sua minimizzazione.

Ampio spazio è stato lasciato ai ragazzi dell'Istituto di Istruzione superiore di Pomezia “Largo Brodolini”, che partecipa alle attività del progetto SPAIC. Sono loro, come si è detto, i veri protagonisti del progetto e lo sono stati dell’evento: introdotti dai loro docenti Anna Cocchini e Massimo Izzo, hanno presentato con grande entusiasmo i bei prodotti da loro realizzati.
Nel "Chi non spreca...risparmia!!", hanno voluto trattato il tema, soprattutto evidenziando le perdite di tipo economico conseguenti allo spreco alimentare domestico, trattando in chiave ironica tematiche, spesso presentate in modo pessimistico e distruttivo, così da rendere più efficace il messaggio destinato ai loro coetanei. Nel video vengono inoltre presentate le dieci regole indicate dal Ministero della Salute per evitare gli sprechi ma anche le originali "Ricette svuotafrigo". Tali ricette sono il frutto di uno studio che i ragazzi hanno fatto sugli alimenti che più frequentemente sono sprecati perché “avanzano in casa e finiscono nel frigo” . Sono state proposte come strumento utile per chi volesse cimentarsi in gustose valorizzazioni dei cibi avanzati.

"Le videointerviste" che hanno realizzato nel territorio del comune di Pomezia. Le interviste raccolte in questo video illustrano i comportamenti più comuni delle persone nei confronti dello spreco alimentare, mettendo in luce al tempo stesso la diversa consapevolezza e percezione di responsabilità che hanno persone di diverse fasce d'età e classi sociali nei confronti della problematica. Parlando di azione specifica sul territorio e di sensibilizzazione, è stato inventato dagli studenti anche un gioco da tavola "Fuga da Sprecopoli", che in chiave ludica mira a promuovere una sana gestione dei pasti sempre allo scopo di insegnare a minimizzare gli sprechi domestici, che sarà sperimentato presso le scuole medie del comune di Pomezia.

Questo sito utilizza i cookie tecnici per il proprio corretto funzionamento e cookie di terze parti per l'implementazione di alcune funzionalità esterne (ad es. Google Analytics). Navigando le pagine del sito o cliccando su 'OK' acconsenti all'impiego dei cookie.

Informativa completa